Coralis stringe un accordo con Crai

I due gruppi continueranno a far parte della centrale d’acquisto Auchan-Sma per quanto riguarda i contratti nazionali

Coralis cambia partner e sceglie Crai. La notizia è stata diffusa dai due retailer con una breve nota, in cui si annuncia che è stato “sottoscritto un accordo di collaborazione pluriennale volto a sviluppare il massimo delle sinergie possibili sulle tematiche commerciali e gestionali”. Coralis, che è presieduta da Eleonora Graffione, scioglie così la decennale collaborazione con Sisa, che da tempo versa in difficoltà e che già nei giorni scorsi aveva perso un altro alleato, il Consorzio In.Prof. che dal prossimo gennaio farà parte a tutti gli effetti di Gruppo VéGé.

PROSEGUE LA COLLABORAZIONE CON AUCHAN-SMA – Per quanto riguarda l’accordo tra Coralis e Crai, dal punto di vista degli acquisiti non cambia nulla, perché entrambi i gruppi proseguiranno nella collaborazione con la Centrale Auchan-Sma per la gestione della contrattualistica nazionale. In pratica fino ad ora la porta d’ingresso di Coralis alla Centrale Auchan-Sma era rappresentata dal mandato conferito a Sisa, mentre ora lo stesso mandato è stato dato a Crai. Nella nota si legge anche che Coralis e Crai “andranno a definire delle ulteriori opportunità comuni nell’interesse delle rispettive reti di vendita che operano nel canale della prossimità. Sul piano gestionale si collaborerà per ottenere maggiore efficienza e per sviluppare competitività della proposta verso i consumatori/clienti”.

LE QUOTE DI MERCATO – In base ai dati della Guida Nielsen Largo Consumo ed. settembre 2016, Crai è accreditata di una quota di mercato in iper + super + discount + libero servizio del 2,4% a fronte dello 0,2% di Coralis.

Articoli Correlati