Mutti, AB Inbev pronto all’ingresso nella società

Il gruppo belga dovrebbe acquisire il 20% della ditta parmigiana e finanziarne la crescita nei supermercati di tutto il mondo

Il colosso mondiale della birra AB Inbev potrebbe entrare presto nel capitale di Mutti, storica azienda conserviera parmigiana di trasformazione del pomodoro. L’ipotesi parte dalla recente uscita da Mutti di Crédit Agricole, che deteneva il 5 per cento della società, e dalla contestuale ricerca di un forte finanziamento per crescere ancora nel mercato globale. Il possibile accordo con Verlinvest, la private equity che fa capo ai re della birra belgi, è stato anticipato da Parigi dal quotidiano Italia Oggi.
Mutti, del resto, rappresenta un forte richiamo sui mercati internazionali. Per le ottime performance economiche, ma anche per la ricerca maniacale della qualità che la caratterizza. Per aumentarne la cultura internazionale e accedere ai supermercati di tutto il mondo, un partner ideale sarebbe proprio il colosso globale delle birre. In ogni caso, se Mutti vuole diventare davvero internazionale  avrà bisogno di una leva economica in grado di garantirle l’accesso non solo nei Monoprix francesi, ma in tutti i supermercati più importanti del mondo. Fondata nel 1899, Mutti è tra le realtà imprenditoriali più rilevanti di Parma con 245 milioni di euro di fatturato nel 2016 (40 in più del 2015).

Articoli Correlati