EXPORT

Bio, ecco perchè l’Italian food può diventare protagonista in Giappone

Il mercato nipponico rappresenta un'area sempre più strategica per le imprese del bio made in Italy vocate all'internazionalizzazione. Ne parla a Foodweb Toshiko Omichi di ITA

Sebbene il mercato biologico in Giappone continui a crescere, la domanda non è ancora realizzata sufficientemente se paragonata a quella di altri paesi sviluppati. Secondo uno studio dell’Italian Trade Agency di Tokyo, presentato nel corso dell’ultima edizione di Sana, la dimensione del mercato dei prodotti agroalimentari bio in Giappone si aggira attorno a 1,6 miliardi di euro nel 2018, cresce a un tasso del 2% circa, laddove la percentuale di prodotti importati è in costante crescita. Numeri che confermano, quindi, significative opportunità di sviluppo per il settore e per le aziende italiane del bio che intendono crescere sui mercati internazionali. 

Foodweb ha raccolto la testimonianza di Toshiko Omichi, Senior Trade Analyst Consumer Goods: F&B Division di Italian Trade Agency

© Riproduzione Riservata