Logistica

A Number1 Logistics Group il premio “Il Logistico dell’anno 2016”

Riconoscimento di Assologistica nella Sezione Hi-Tech per la linea robotizzata antropomorfa dedicata al riconfezionamento

Renzo Sartori, consigliere delegato di Number1 Logistics Group ha ritirato nei giorni scorsi a Milano il premio “Il Logistico dell’anno 2016” Sezione Hi-Tech, giunto alla 12esima edizione e organizzato da Assologistica, per la linea robotizzata antropomorfa dedicata al confezionamento. Questo premio rappresenta per Number1 Logistics Group, leader italiano nella logistica integrata per i beni di largo consumo, la conferma della volontà di puntare sull’innovazione: l’azienda parmense infatti con forte convinzione ha investito in questa linea robotizzata, espressione di un’accurata ricerca tecnologica che è uno dei suoi punti di forza.

LA NUOVA LINEA – L’innovazione fa parte del nostro dna – sottolinea Renzo Sartoripunto distintivo di Number1 ricercato e perseguito da sempre in ogni suo ambito: innovazione tecnologica, di processo e di prodotto. Cerchiamo nuove soluzioni sempre in grado di anticipare le soluzioni di mercato che negli ultimi anni ha visto crescere esponenzialmente il trend dei volumi di co-packing realizzati dalla nostra azienda per i committenti. Grazie alla realizzazione di questa nuova linea siamo stati in grado di aumentare la produttività, di offrire più flessibilità ad i nostri clienti e, contestualmente, garantire riconfezionamenti e servizi di elevata qualità. Un traguardo importante per Number1 se si considera lo scenario italiano che nel settore della automazione non presenta situazioni di competitività, mostrando una realtà industriale nella quale il 27 % delle macchine industriali è obsoleta (macchine con più di 20 anni; solo il 13 % dei macchinari ha meno di 5 anni). La nuova linea robotizzata, presentata a Parma nel marzo scorso, si può definire “sartoriale”, in quanto pensata e realizzata da Comau Robotics espressamente per le esigenze di Number1 Logistics Group. Il nuovo impianto è infatti in grado di automatizzare totalmente il processo di riconfezionamento, dalla formatura dei display box al riempimento degli stessi con i prodotti grazie all’utilizzo di braccia antropomorfe.