Dolciario

Dolciario, tutti i trend ‘scovati’ a ISM 2018

Dagli zuccheri ridotti al vegetariano e vegano, passando per il senza lattosio, in mostra a Colonia c'era la più ampia gamma di dolci disponibili nei mercati mondiali. Gli insight di Food.

Trader e buyer da tutto il mondo hanno partecipato a ISM 2018, la più grande fiera mondiale di dolci e snack, conclusasi ieri a Colonia dopo quattro giorni di numeri record. Quasi 1.660 espositori provenienti da 73 Paesi hanno presentato tanti nuovi prodotti e idee per impressionare esperti e visitatori. Noi di Food eravamo in prima fila! Ed ecco cosa abbiamo “scovato”: deliziosi cioccolatini ripieni, per esempio. A partire dalle semi-sfere di cioccolato, la cui superficie si apre per rivelare piccoli dolci a forma di frammenti di mosaici ‘mediterranei’. Il cioccolato contenente alghe è un’altra novità, mentre un altro produttore ancora propone latte di riso per le sue barrette e bastoncini. Tonalità rosse e gialle sono create aggiungendo lamponi o mango alle barrette che hanno anche un sapore fruttato.

Fai da te

Gli appassionati del settore potevano anche provare a ‘fare marmellate da soli’ o sperimentare un set di creazione per biscotti, marshmallow o sandwich al cioccolato. Le miscele da forno con tutte le guarnizioni forniscono stampi, impasti e decorazioni: tutto in un’unica confezione. Perché la tendenza fai da te ha da tempo preso d’assalto il mondo del bakery. E’ anche per questo che la selezione di decorazioni a base di marzapane e zucchero è stata ampia, colorata e diversificata, disponibile anche in versione vegetariana. Chi ama mescolare e creare poi poteva formare piccole torri e castelli con una miscela di zucchero. Un edificio intero che poi poteva essere mangiato, e si trasformava in un chewing-gum. La prossima stagione di Halloween è dietro l’angolo: il momento giusto per un teschio pieno di dolci, o per la liquirizia a forma di ‘sorriso’ di Dracula, in variante dolce o aspra. Ma si poteva anche mangiare denaro, quando è fatto di carta commestibile. Senza contare le bottiglie di gomma da masticare di Cola, senza zucchero.

Le tendenze più in voga

‘Zuccheri ridotti’ è un’espressione chiave, fondamentale nel mondo di dolci e snack. Accanto a diversi prodotti a base di zucchero, cioccolato, da forno, dolci e masticabili, c’erano infatti anche mandorle tostate addolcite con un sostituto dello zucchero. Le proteine – una tendenza generale nell’industria alimentare – si trovavano spesso in biscotti, cioccolato o snack. Le barrette erano costituite da ingredienti ad alto contenuto proteico, spesso combinati con frutta o verdura. A questo proposito, anche i ceci venivano proposti come snack salato insieme a frutta liofilizzata per spuntini con noci o semi. C’erano comunque opzioni per tutti i gusti e le esigenze dei consumatori: vegetariano, vegano, senza glutine, senza lattosio, senza grassi. Le spezie e gli ingredienti esotici sono sempre più usati. Basti pensare al panino con tè Matcha spalmabile. Il cocco era un esaltatore di gusto frequentemente utilizzato, ad esempio in piccole torte, deliziosi biscotti alla ciliegia raffinati al cocco, o in popcorn, creazioni di cioccolato ripiene e in una salsa per waffle con riso o grano. Tra gli altri prodotti di punta possiamo citare chips con combinazioni come ananas e curry, aceto e carota, limone e peperoncino (per patatine al pomodoro), al sapore di uova fritte o al lampone con pepe. Patatine particolarmente lunghe (22 centimetri) al gusto di Masala ricordavano le spezie indiane, così come quelle con un delicato sapore di curry. Per gli amanti del formaggio infine erano disponibili biscotti contenenti Gouda e cumino, anche in variante bio.