Dairy

Al via la campagna ‘Verde Latte Rosso’

L’Alleanza delle Cooperative contro le fake news: “Consumi in calo anche per colpa di false informazioni: la filiera lattiero casearia italiana è la più sicura al mondo”

Valorizzare la filiera lattiero casearia italiana, la più sicura al mondo con i suoi prodotti di eccellenza. E’ il senso della campagna di comunicazione ‘Verde Latte Rosso’, voluta da Alleanza Cooperative Agroalimentari. “Il consumo di latte in Italia è sceso del 30% negli ultimi 6 anni, è aumentato il numero degli intolleranti e quello di chi crede di avere un problema col latte. Attraverso i social viaggiano molte fake news, in coincidenza con la crescita di consumi di prodotti alternativi al latte e di una sorprendente latitanza del mondo scientifico”. Gianpiero Calzolari, coordinatore del settore lattiero-caseario di Alleanza Cooperative Agroalimentari, spiega con queste parole la decisione di lanciare la campagna di comunicazione autofinanziata. Anche il logo è emblematico: un tricolore con al centro, nella zona bianca, una goccia di latte che si espande. Un messaggio efficace che le cooperative intendono veicolare attraverso Facebook e Instagram.

LA FILIERA DEL LATTE MADE IN ITALY

Sensibilizzare sul consumo del latte e dei suoi derivati, dando informazioni corrette sull’importanza di questo alimento sia per la nostra salute, sia per l’economia dei territori, è fondamentale” – ha sottolineato il ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio (nella foto a destra, con il Presidente di Alleanza Cooperative Agroalimentari Giorgio Mercuri). Quella del latte italiano è una filiera che vale ben 15 miliardi di euro (2,7 il valore dell’export). Il 50% di tutto il fatturato nazionale è generato dalle cooperative che detengono e trasformano il 70% della materia prima nazionale.

LA DESTINAZIONE

In Italia vengono consegnate circa 12 milioni di tonnellate di latte: circa il 18% è destinato alla produzione di latte alimentare fresco (11%) e UHT; il 50% circa è destinato alla produzione di formaggi DOP, il restante 39% è destinato ad altri usi industriali. Nelle principali DOP casearie la leadership va alle cooperative: 70% nel Parmigiano Reggiano e 63% nel Grana Padano. Altissima anche la presenza di cooperative tra i produttori di Asiago DOP (65%) e Pecorino Romano DOP (60%).

IL PESO DELLE COOPERATIVE

Il Presidente di Alleanza Cooperative Agroalimentari Giorgio Mercuri ha ricordato come il settore lattiero caseario cooperativo rappresenti “circa 700 imprese a cui aderiscono circa 27.500 stalle che producono circa il 70% della materia prima nazionale, ovvero circa 7 milioni di tonnellate di latte, e quindi contribuisce al sistema lattiero caseario nazionale per un valore economico di circa 7 miliardi di euro. Con un export che ammonta a circa 560 milioni, pari al 45% del valore totale dell’export dei formaggi”.

LA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE

La campagna, che durerà un anno, punta a sottolineare l’eccellenza del latte italiano che dà vita a oltre 400 tipologie di formaggi, di cui 53 DOP che fanno dell’Italia il leader mondiale della produzione casearia di qualità. Concetto interpretato in un claim forte e incisivo che parla di orgoglio per il latte italiano e per la sua filiera. Il progetto, ideato dall’agenzia Plan.net del Gruppo Serviceplan, viene lanciato con un video che racconta quanta strada ha fatto il latte italiano e continua sul sito con un percorso ricco di contenuti, elaborati da una redazione dedicata.

© Riproduzione Riservata