RETAIL

Penny Market, negozio e centro di formazione a Firenze

L’insegna arriva a quota 343 punti vendita, grazie a un piano di espansione che prevede 20 aperture nel corso del 2016

Il punto vendita numero 343 ha aperto a Firenze, ma Penny Market non si ferma qui. Il progetto di espansione della catena discount nel mercato italiano prevede investimenti per 72 milioni di euro e un totale di 20 inaugurazioni nel corso del 2016. L’ultimo arrivato – collocato in via dell’Argingrosso, nel quartiere 4 di Firenze – è il 76° Penny Market in Toscana. “L’apertura di un nuovo punto vendita a Firenze si inserisce perfettamente nella nostra strategia: negozio di prossimità attento ai bisogni dei consumatori, in grado di offrire ogni giorno un vasto assortimento a prezzi contenuti e concorrenziali – commenta Miodrag Borojevic, Ceo di Penny Market Italia –. Siamo sicuri che questa apertura, fortemente voluta dai cittadini, garantirà a tutti i residenti dell’area una spesa facile, veloce e conveniente”.

PRODOTTI TIPICI E PL – Penny Market precisa che il discount fiorentino ospita un vasto assortimento dedicato ai prodotti tipici regionali forniti da aziende strettamente integrate nel territorio, in particolare per le categorie freschissimi salumi e formaggi, pane fresco e vini e, come tutti i punti vendita della catena, circa 60 prodotti a marchio privato Cuor di Terra con tipicità dei prodotti italiani. Ovviamente forte il focus sulla stagionalità, con frutta e verdura di stagione 100% italiana e un vasto assortimento che include soprattutto un’ampia gamma di prodotti locali. All’interno del punto vendita è presente il banco macelleria e gastronomia gestito da Nuova Carni Sì, dove i clienti possono trovare prodotti regionali. L’assortimento di carni comprende tutti i tagli classici di scottona, suino e pollame, tagli tipici fiorentini, trippa, lampredotto e tagli di Chianina Dop, provenienti esclusivamente da allevamenti italiani. In aggiunta, l’assortimento include oltre 80 referenze di confezionato. Anche il reparto gastronomia è all’insegna dell’italianità e offre formaggi e salumi tipici della regione: pecorini da Siena e Grosseto, finocchiona, sbriciolona, soprassata, prosciutti e porchetta di Monte San Savino.

FOCUS SULL’EFFICIENZA ENERGETICA – Il layout e le caratterizzazioni interne sono il frutto dello sviluppo del nuovo concetto ‘Ambiente 3.0’ di Penny Market, progettato per offrire ai clienti un’esperienza di acquisto fatta di qualità ed efficienza. Inoltre, Penny Market sottolinea che la struttura è stata realizzata secondo le più recenti tecniche costruttive che conferiscono all’edificio caratteristiche di isolamento termico per una maggior efficienza energetica. L’obiettivo di ottenere la massima qualità riducendo i consumi è stato perseguito utilizzando la tecnologia al Led per l’illuminazione del negozio e introducendo nuove soluzioni per gli impianti di refrigerazione; questi accorgimenti contribuiscono a risparmi annui fino a 34.000 Kwh che si possono tradurre in circa 9,04 tonnellate equivalenti di petrolio non bruciate e quindi una mancata emissione di CO2 in atmosfera pari a 21,27 tonnellate.

IL CENTRO DI FORMAZIONE – Sempre a Firenze, in via Della Fonderia n.51, Penny Market ha inaugurato il centro di formazione Et Labora – Fondazione Ikaros, in cui si svolgeranno progetti di formazione per gastronomi e addetti al reparto frutta e verdura, unitamente a corsi di comportamento e relazione con la clientela per la qualificazione del personale interno e dei nuovi collaboratori in ingresso, come attualmente avviene nel primo centro di formazione aperto a Milano nel 2015. I dipendenti di Penny Market in Italia sono oltre 3.200, di cui 578 assunti nel corso dell’ultimo anno.

© Riproduzione Riservata