Beverage

Keurig rileva Dr Pepper, nasce un nuovo big

L'operazione da quasi 19 miliardi di euro darà vita a Keurig Dr Pepper, un colosso del beverage da 11 miliardi di dollari l'anno di giro d'affari. Entro giugno la chiusura dell'accordo

Il caffè incontra le bibite gassate. Una nuova suggestione di mercato? No, è il risultato dell’ultima operazione d’acquisto della Keurig Green Mountain, azienda statunitense produttrice di macchine per caffè controllata dalla holding Jab, che ha annunciato l’acquisto di Dr Pepper Snapple Group con una transazione intorno ai 19 miliardi di dollari (18,7 per l’esattezza).

Dal caffè ai soft drinks

A oggi Keurig è il quarto distributore di caffè negli Stati Uniti, con una quota di mercato del 7,4%, mentre Dr Pepper è il terzo gruppo di soft drink del Paese con una quota dell’8,5% derivante da marchi noti come 7Up e Snapple. Quello che si delinea, dunque, assomiglia a un nuovo colosso del beverage, con un fatturato annuo da 11 miliardi di dollari. La nuova società, che dovrebbe chiamarsi Keurig Dr Pepper, sarà controllata all’87% dagli azionisti di Keurig e da quelli di Dr Pepper per il restante 13%.

Attenti a Jab

L’accordo è solo l’ultimo in ordine di tempo stipulato da Jab, che in questi anni sta diventando sempre più un gigante mondiale del food e che aveva acquistato Keurig già nel 2016 insieme al big degli snack Mondelez International. Intanto, da Keurig, tramite l’AD Bob Gamgort, fanno sapere di aspettarsi un risparmio di circa 600 milioni di dollari sui costi annuali entro il 2021 derivante da questo accordo, che dovrebbe chiudersi entro giugno.